fbpx

RACCONTI PER RICOMINCIARE
Percorsi di teatro dal vivo

un progetto Vesuvioteatro.org
coordinamento artistico Giulio Baffi e Claudio Di Palma

dal 25 giugno al 12 luglio 2020

Benevento
Giardino del Mulino Pacifico
Casamarciano
Complesso Badiale di Santa Maria del Plesco
Ercolano
Villa Campolieto
Villa Signorini
Parco sul Mare della Villa Favorita
Castellammare di Stabia
Palazzo Reale di Quisisana
Napoli-Portici
Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
Portici
Orto Botanico della Reggia
Torre del Greco
Villa delle Ginestre

Biglietteria

60 attori, 15 autori, 60 racconti, 12 percorsi teatrali, 10 luoghi di grande suggestione. Questo è Racconti per ricominciare.

Un evento diffuso che prevede la realizzazione di percorsi teatrali, itineranti e di breve durata, per un numero limitato di spettatori e per un solo artista alla volta, in scena dal 25 giugno al 12 luglio in dieci splendide location della Città Metropolitana di Napoli e della Regione Campania. Il progetto è ideato e promosso da Vesuvioteatro.org con il coordinamento artistico di Giulio Baffi e Claudio Di Palma.

Un’idea per ripartire insieme e per tornare al teatro dal vivo nel rispetto delle regole. Per prendersi cura del pubblico, adottando ogni forma di protezione, ma anche degli attori e dei tecnici nella consapevolezza che, per chi ha scelto questo mestiere, restare a casa allontanandosi giorno dopo giorno dalla scena, non significa solo perdere delle sicurezze economiche, ma anche snaturare la propria identità.

Sono 10 per ora i luoghi di grande valore storico/architettonico coinvolti, tra cui il Museo Ferroviario di Pietrarsa tra Napoli e Portici, la Reggia a Portici, Villa Campolieto, Villa Favorita e Villa Signorini a Ercolano, Villa delle Ginestre a Torre del Greco, il Palazzo Reale di Quisisana a Castellammare di Stabia, il Complesso Badiale Santa Maria del Plesco a Casamarciano e il Mulino Pacifico di Benevento. Questi spazi, e gli altri che potranno aggiungersi aderendo al progetto, accoglieranno le azioni sceniche ed i racconti di 60 attrici e attori impegnati nella proposta di pezzi scelti dai grandi testi (classici e moderni) di teatro ma anche scritture originali di giovani autrici e autori contemporanei tra cui Massimo Andrei, Marcello Anselmo, Gennaro Ascione, Fortunato Calvino, Igor Esposito, Massimo Maglietta, Anna Marchitelli, Antonio Marfella, Sara Sole Notarbartolo, Fabio Pisano, Dario Postiglione.

In ogni luogo saranno impegnati tra 5 e 6 attori al giorno. Ciascuno di essi occuperà uno spazio definito nella location sede di spettacolo. In questo spazio interpreterà un racconto di non oltre 15 minuti che sarà replicato in sequenza fino ad un massimo di 5 volte. Ogni racconto accoglierà massimo 30 spettatori che, secondo un itinerario stabilito, potrà assistere in sicurezza a tutte le performance dalla durata complessiva di circa 1 ora.

Racconti per Ricominciare nasce con l’intenzione di offrire ai lavoratori dello spettacolo la possibilità di riprendere quel lavoro praticato con grande amore e con infinita passione, e di farlo con modalità che rispettino in assoluto le norme in vigore, inventandosi un modo per ritrovare il contatto con il pubblico. Un piccolo ma dirompente segnale per superare i tempi eccezionali che stiamo vivendo, accompagnando il pubblico verso un ritorno ad una vita culturalmente attiva, diventando un’occasione di rinascita comune e di lavoro per un importante numero di artisti.

Scopri il programma

Note dei curatori

Impossibile vivere senza fare teatro, impossibile non andare a teatro. In quanti lo pensano? Abbiamo vissuto giornate difficili ed altre ne verranno. Bisogna ricominciare, bisogna provare a ripartire. Non sappiamo a quali spettatori ci rivolgiamo, vedremo presto se c’è e da chi è formato il pubblico del “dopo”.
Abbiamo chiesto ad un pugno di attori amici di venire con noi, in spazi belli che accolgano le parole recitate come fossero parte della loro e nostra memoria. Ci hanno risposto in tanti, moltiplicandosi con entusiasmo e affetto. Abbiamo chiesto a giovani drammaturghi di misurarsi con noi nel progetto ambizioso. L’entusiasmo e l’affetto è cresciuto ancora. Il teatro ha percorsi misteriosi della mente, ma anche del cuore. Andremo presto in giro con la nostra proposta di “Racconti per ricominciare”. Si partirà in 10 spazi bellissimi che diventano, come altre volte è accaduto, teatri accoglienti. 20 spettatori per ognuno dei 60 attori impegnati 10 drammaturghi a scrivere nuovi racconti da offrire agli attori, ad altri ruberemo le storie scritte da tempo. Proviamo a rimetterci in moto. I numeri ci dicono che c’è pronto un piccolo esercito compatto. Cresceremo e saremo ancora più numerosi. Poi vinceremo o saremo sconfitti. Ma allo scoperto, cercando di dare voce al teatro del “dopo”.

Giulio Baffi


Ci sembrava che tutto e dappertutto fosse ormai prossimo, veloce, possibile e che lì dove non lo fosse poteva essere giusto attribuire le responsabilità a forze occulte, sovranazionali, sovrannaturali. La natura, invece, davvero sempre prossima e possibile, ha inteso ristabilire l’esigenza di nuovi parametri che rimisurassero i rapporti umani. Ecco allora che è insorta, immediata, l’urgenza, forse anche scomposta, di rispolverare dagli archivi tanti piccoli rilievi geometrici fatti in precedenza. È nata la necessità di una rilettura, senza preciso ordine e senza lucido obiettivo, di quelle mappature minimaliste. Ed è nato il desiderio di comunicarla, quella riflessione, con i linguaggi dell’arte più prossima e possibile: il racconto orale. Piccole comunità riunite intorno a piccoli fotogrammi del mondo che è stato e a frammenti in sviluppo di immagini che potrebbero essere in futuro. Una ricognizione comune su quelle teorie per la misurazione del mondo che tanti autori – soprattutto contemporanei – hanno formulato forse anche inconsciamente fino ad oggi. Per farlo congruamente occorreva un luogo, dei luoghi in cui l’uomo avesse posto un’impronta, probabilmente anche con altri obiettivi, dove fosse più giusto effettuare questa misurazione. Sono saltati agli occhi, prossimi e possibili, luoghi di transito e giardini. I primi perché misuratori del tempo involontari, ma ineludibili ed i giardini perché identificativi di una tendenza ludica e naturale di coniugare, secondo i più vari equilibri, le forme ed i colori. Prossima, possibile, ed identitariamente simbolica, tutta l’area vesuviana. Anche lì la natura ha infatti più volte nella storia deciso di riformulare gli assetti e le procedure elementari del vivere comune.

Claudio Di Palma


Il progetto di Vesuvioteatro.org potrà dare alle attrici, agli attori, ai registi, ai drammaturghi la possibilità di riprendere quel lavoro praticato con grande amore e con infinita passione, e di farlo con modalità che rispettino in assoluto le norme in vigore, inventandosi un modo per ritrovare il contatto con il pubblico. Oltre 100 figure di lavoratori dello spettacolo, tra attori e tecnici, si rimetteranno in moto. Questo è uno dei motori della nostra idea. Il nostro obiettivo infatti è far ripartire la “macchina”, come già stanno provando a fare i nostri colleghi dei Teatri e delle Imprese di Produzione. Mossi come siamo non dagli obblighi dettati dal Mibact, verso cui quest’anno grazie alle più recenti disposizioni del Ministro non abbiamo alcun obbligo di raggiungimento dei parametri numerici precedentemente annunciati, ma dalla convinzione di dovere sostenere tutto il complesso e delicato comparto costituito dai lavoratori dello spettacolo.

Geppi Liguoro

Racconti per ricominciare
è un progetto
Vesuvioteatro.org

in collaborazione con
Teatro Pubblico Campano
Comune di Casamarciano
Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro

Enti partner
Città Metropolitana di Napoli
Città di Portici
Città di San Giorgio a Cremano
Città di Castellammare di Stabia
Città di Benevento
Fondazione Ente Ville Vesuviane
Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa
Dipartimento di Agraria – Università degli Studi di Napoli Federico II
Musa – Musei della Reggia di Portici
Villa Signorini Events & Hotel ****
Solot Compagnia Stabile di Benevento
Tradizione e Turismo
Piccola Città Teatro

ufficio stampa
Renato Rizzardi

illustrazione
Giacomo Di Niro

2020-06-14T08:46:56+02:00
Torna in cima