Squalificati

Stefania Rocca
in

Squalificati

di Pere Riera
traduzione di Inés Rodríguez e Joan Negrié
adattamento David Campora

con Andrea de Goyzueta e Fabrizio Vona

scene Roberto Crea
ideazione scenica Luciano Melchionna
costumi Milla
musiche a cura di Riccardo Regoli
opere Redux in scena Cristiano Carotti
assistente alla regia Sara Esposito

regia Luciano Melchionna

produzione Ente Teatro Cronaca – Vesuvioteatro e Vesuvioteatro.org
in collaborazione con il Festival Teatrale di Borgio Verezzi 2018

2018/2019

27-28-29 luglio 2018 > Festival Teatrale di Borgio Verezzi | debutto nazionale

16-18 novembre > Napoli, Teatro Sannazaro
24 novembre > Latina
25 novembre > Colleferro (RM)
11 aprile > Villadossola (VB)
12 aprile > Oleggio (NO)
13 aprile > Ciriè (TO)
14 aprile > Mondovi (CN)
15 aprile > Asti
17 aprile > Agnone (IS)
28 aprile > Loreto (AN)

In aggiornamento…
Per ricevere in anteprima le notizie sui nostri spettacoli, iscriviti alla newsletter www.bit.ly/etcvnews

In Squalificati la giornalista più prestigiosa del paese affronta l’intervista più difficile della sua carriera: un faccia a faccia con il Presidente del governo, presumibilmente coinvolto in un crimine aberrante. L’astuto segretario stampa del Presidente farà tutto il possibile per convincere l’intervistatrice a dubitare di se stessa, prima di tutto. Il pubblico riuscirà a conoscere la verità?

Note di regia

“Tener duro e non perdere la calma.”
“E neanche la Dignità.” (se possibile)
“Questa è la chiave.”

Un gioco raffinato, una partita a scacchi esclusivamente tra re, cavaliere e torre avversaria tra declinazioni di potere, strategie prive di scrupoli e il giudizio calato dall’alto, con chirurgico e amabile cinismo, da parte di chi afferma sia impossibile sporcarsi le mani. Il tutto condito da accuse di molestie, ambiguità, rovesciamento delle dinamiche e dei ruoli, ricatti e amletiche scelte tra carriera e famiglia.
La politica e i mass media a confronto: chi si salverà?
Chi riuscirà a dimostrare o a far credere di essere immacolato?
Dov’è il male, dov’è il bene in questa giungla ormai priva di riferimenti e valori, dove l’unico criterio valido, tra scivolate e colpi bassi è la selezione naturale e dove la sopravvivenza dei prescelti è delegata a qualche voto in più e allo share?
Come riuscire a portare a termine la partita e magari vincere onestamente, senza per forza finire nella categoria ‘onnivora’ degli “squalificati”?
Ai posteri l’ardua sentenza?
No.
Sta a noi, qui e ora, scegliere di ricominciare a rispettare le regole, così da non sentirci per il resto della vita dei bluff. Collusi oltretutto. Vittime e carnefici di noi stessi, prima di tutto.

Luciano Melchionna

Foto di scena

foto di Luigi Maffettone

2018-10-16T16:54:08+00:00
X

Send this to a friend